Leggere, scrivere e far di conto

Ricomincia un altro anno di scuola. Per alcuni sarà il primo, in assoluto, giorno di scuola. Per altri sarà il primo di un nuovo ciclo scolastico e per altri ancora un giorno in cui ritrovare compagni della vecchia classe e insegnanti dell’anno precedente. Mi è venuto in mente un libro letto anni fa, piaciuto anche alla figlia  Uno,  che dava una visione di un tempo in cui andare a scuola non era né un dovere né un diritto e  imparare nozioni basilari come ” leggere, scrivere e far di conto” non era così semplice, specialmente se femmina. La bambina Lilliana (le due elle nel nome non sono un errore) racconta le difficoltà per  conquistarsi tutto, anche la possibilità di  frequentare la scuola in cui iniziare il cammino che le permetterà di diventare  un medico e  di raccontare con comicità  la sofferta condizione di  bimba rifiutata dai suoi famigliari.

Dal libro Non m’importa se non hai trovato l’uva fragola di Giulia Fiorn ho scelto il capitolo in cui  Lilliana inizia la lezione con la maestra che la preparerà all’esame per l’ammissione alla scuola pubblica del paese.

Ci sedemmo al tavolo, prese una lavagna e dei gessetti colorati e scrisse tre volte la parola «àncora» in tre modi diversi, che, mi spiegò, erano il minuscolo, il maiuscolo e lo stampatello.

– Prendi il gessetto blu e fa un trattino sotto i segni che trovi uguali in ogni parola.

Era un gioco? Guardai la maestra ma non riuscii a dare un’interpretazione alla sua espressione perchè stava infilandosi gli occhiali.

Pensavo: « La deluderò o riuscirò a trovare i segni uguali?» Scrutai i segni della prima parola in minuscolo: la « a » iniziale era tonda con una specie di bastone davanti, a metà parola c’era un altro segno rotondo ma non aveva sostegno , in fondo ritrovai un tondo con un bastone. Era un’altra « a ». le segnai con il gesso.

A tutti  quelli che credono che la scuola debba servire per conoscere la propria storia non in modo limitato e capire gli errori che si sono compiuti, per  imparare le lingue che permettono di comunicare con quelli che ci vivono accanto, per avere la capacità di non guardare con diffidenza tutto quello che non si capisce e di saper  leggere sempre un po’ più avanti…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...