Colazione per cinciallegre

Sono venute a trovarmi le cince. Speravo lo facessero.

Mi sono accorta che le cinciallegre sarebbero arrivate perchè, tra un frullare di codirossi e merli, ne ho intravista una che sbirciava verso il mio balcone.

All’inizio di novembre mi ero procurata una confezione di semi e palle di lardo da appendere  in un luogo non raggiungibile da Vito, il gatto di famiglia. L’inverno cominciato in sordina  è arrivato; dopo le nevicate la temperature è scesa e ho atteso che le cince alla ricerca di cibo, essendo troppo freddo per trovare insetti e ragni,  scoprissero dove l’avevo sistemato.

Si annunciano cinguettando e, suppongo, scambiandosi informazioni, come quando noi troviamo un posto che ci piace per fermarci a pranzare e lo comunichiamo con soddisfazione ai nostri compagni di viaggio. Pare che l’indole delle cinciallegre sia aggressiva e rumorosa ma che nei nostri confronti dimostrino una certa tolleranza, dettata dalla necessità di utilizzare maggiori risorse alimentari. Detta in parole povere se c’è una mangiatoia artificiale fanno volentieri una visita e si abbuffano …

Solitamente arrivano a metà mattina: l’ora della pausa per il  secondo caffè. Io con la mia tazzina dentro casa e loro con la colazione servita sul balcone. Una colazione lunga, intervallata da voletti e saltelli sulla ringhiera, rapidi ritorni, il tutto accompagnato da un ampio repertorio di vocalizzi.

Finisco il mio caffè, cerco di muovermi con movimenti lenti per non interromperle. Guardo fuori ma non ci sono più.

Annunci

2 thoughts on “Colazione per cinciallegre

  1. Almeno sei in buona compagnia e sono simpatici da vedere.
    Invece il craaak craaak craaak delle cornacchie che sentiamo sempre più frequentemente e che troviamo sempre più spesso intorno a noi, nei giardini, nei parchi (l’altro giorno nel giardino del nido ne ho contati sei)…mi mettono ansia e mi ricordano il film “Gli uccelli” di Alfred Hitchcock.
    ciaooooooo

  2. Ciao.Ti rivelerò che pur provando curiosità per il loro comportamento e abitudini non amo i pennuti, anzi per alcuni specie provo una sensazione di disagio e il toccarli o prenderli fra le mani mi infastidisce. Probabilmente è qualcosa legato alla mia infanzia quando a casa di una prozia dovevo passare tra polli e tacchini. Mi seguivano e sembrava, a me bambina, che guardassero con occhi cattivi.
    In ogni caso mi piace osservare e quelli che vengono sul balcone, come dici tu, sono simpatici e soprattutto di piccole dimensioni. Un saluto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...