Una mattina qualsiasi

Mi piace farmi un caffé a metà mattina, quando tutti sono usciti e la casa è silenziosa. Nell’aria si sentono i profumi dei sughi che cominciano ad andare sui fornelli e, quando la stagione è bella, si sente nell’aria odore di bucato. Mi piace ascoltare la radio e bere il caffè amaro guardando fuori; dal cortile le voci salgono e si confondono con i rumori che arrivano dalla strada. Nell’ androne c’è il solito via vai: il postino, la segretaria di uno studio che arriva affannata, un’anziana signora che va a fare la spesa e oltre il portone gente che passa camminando in fretta per raggiungere la propria meta. Finisco il mio caffé e la mattina ricomincia.

P. S.  Scritto in un momento di estrema tranquillità e beatitudine.

Annunci

Per guardarsi intorno

Il primo caffé che ho bevuto in vita mia era allungato con acqua e ghiaccio, addolcito da un enorme cucchiaio di zucchero. L’ho bevuto in silenzio tenendo con due mani la tazza di spessa ceramica decorata a fiori, osservata dal  nonno in un lontano pomeriggio estivo. Non ricordo se mi è piaciuto il liquido amarognolo, probabilmente no, quello che so è che quel giorno ho apprezzato, per la prima volta, il senso del ritrovarsi a parlare seduti davanti ad una tazza di caffé. Questa ritualità è diventata sempre più parte della mia vita. Quando occorre parlare, discutere o semplicemente stare insieme preparo un caffé, magari a metà pomeriggio con le figlie, o il sabato, quando si esce insieme e si va sempre “fino in via Po”, andiamo a berci un caffé.

La tazza di caffè è il mezzo che permette di osservare e pensare lentamente, di ponderare quello che pensi tu e le parole degli altri, di non avere fretta e di fermarsi a guardare  per vedere. Un momento da gustare piano piano come il caffé a piccoli sorsi, senza mettere lo zucchero così si sente di più il sapore e la vita che ti sta intorno.

P.S.   Scritto nella primavera del 2009  e valido ancora oggi, anche se il sabato le figlie escono e vanno a bere il caffè indipendentemente da noi. Ma a volte ci incontriamo casualmente in via Po.

Un post particolare

… ” Me lo dovevate dire subito come la pensavate…”

“Perchè cosa cambiava?”

“Non vi facevo entrare in casa mia, ecco cosa cambiava…”

“Ma di cosa ha paura, lei è così sicura delle sue idee… Me l’offrirebbe un caffè?”

“Ma si certo accomodatevi, però non guardate il disordine! Come si dice l’ordine è la virtù dei mediocri.”

dal film    Una giornata particolare regia di Ettore Scola

Automat di Edward Hopper (1882-1967)

Des Moines Art Center Iowa